Skip to content

Pommade divine, dall’antico sapere dei monaci francesi ai giorni nostri.

Posted in Collaborazioni

“La pomata etimologicamante deriva dal latino medievale pomata che è il femminile sostantivato di pomato per l’antico uso di profumare gli unguenti con polpa di mele selvatiche; la voce dal latino medievale è passata pressoché identica anche al francese (pommade, documentato a partire dal 1540).”

Nel 1700 la pomata divina ( chiamata in questo modo perché preparata anticamente dai monaci  francesi alla quale si riconoscevano poteri miracolosi ) fece la sua prima comparsa in Gran Bretagna. I contadini la preparavano utilizzando midollo e altri ingredienti naturali e la conservavano in vasi di coccio nelle dispense casalinghe, vicino alla farina, per poterla applicare quotidianamente sulle mani screpolate dal freddo, vessate dalle punture di insetto e arrossate dalle scottature estive. Il rimedio poi venne perfezionato per l’aristocrazia britannica dai farmacisti dell’epoca, che ne rivendicarono i diritti.

Nel 1864 la pomata divina arriva in America, dove viene utilizzata dai giovani soldati durante la guerra civile americana. Una lettera di una giovane recluta di nome Hamilton Branch indirizzata a sua madre e datata 25 maggio 1864 accennava ad un unguento conservato gelosamente nella sua bisaccia come rimedio a diverse problematiche cutanee, tra cui lividi, dolori e gonfiori.

Nel 2015 la leggenda della pomata divina diventa realtà dei tempi moderni.

Formulata unicamente con il 97% di ingredienti naturali, Pommade divine aiuta a riparare rapidamente e a nutrire profondamente la pelle secca e danneggiata.

Contiene: benzoino indonesiano, dalle proprietà anti-batteriche, ambra liquida turca dal potere antisettico e anti-infiammatorio, chiodi di garofano indonesiani che grazie alla presenza di vitamine e minerali sono attivi contro infezioni, punture di insetti, contusioni e ferite, cannella indiana, coagulante naturale che riduce il sanguinamento favorendo i processi di guarigione e infine noce moscata che pulisce in profondità la pelle e minimizza l’aspetto delle cicatrici.

Quali sono i benefici di pommade divine?

Dona sollievo velocemente alla pelle afflitta da contusioni, ustioni, tagli, graffi e punture di insetto.
Lenisce e protegge la pelle infiammata, dolente anche di bambini piccoli e neonati. Idrata la pelle secca, riduce i pruriti, ammorbisce le cuticole delle unghie e le labbra screpolate.
Può aiutare ad alleviare eczema, dermatite e psoriasi.
Aiuta a minimizzare cicatrici di vecchia data.

Non contiene oli minerali, coloranti e profumi sintetici, parabeni e siliconi.

Io l’ho utilizzata come rimedio SOS dopo punture di zanzare e come impacco dopo sole sulle labbra per tutta l’estate.

Allevia dopo pochi minuti la sensazione di prurito limitando la formazione di ponfi antiestetici e rossi su tutto il corpo. Si necessita di diverse applicazioni dopo la puntura prima di considerare il problema risolto. Sulle labbra invece regala da subito una sensazione di comfort e di idratazione profonda, non unge e si assorbe velocemente ma il sapore è amaro e il profumo speziato non è molto gradevole.

INCI

Lanolin, Olus Oil, Butyrospermum Parkii (Shea) Butter, Acacia Decurrens/Jojoba/Sunflower Seed Cera/Polyglyceryl-3 Esters, Styrax Benzoin Resin Extract, Liquidambar Orientalis Resin Extract, Myristica Fragrans (Nutmeg) Oil, Eugenia Caryophyllus (Clove) Bud Oil, Eugenol, Cinnamomum Zeylanicum (Cinnamon) Leaf Oil, Cinnamomum Zeylanicum (Cinnamon) Bark Oil, Cinnamal, Limonene, Linalool, Benzyl Benzoate, Parfum (Fragrance).

Prezzo per 50 ml di prodotto circa 27€.

I prodotti posso essere acquistati sul sito sito internet ufficiale oppure su lovelula.com.

Utilizzo del contenuto autorizzato. Le opinioni espresse sono personali e maturate dopo un lungo periodo di prova dei prodotti i quali mi sono stati inviati gratuitamente a scopo valutativo.

Be First to Comment

Commenta