Skip to content

Terme Olimia, Slovenia

Posted in Review

Oggi volevo scrivere un post un pò diverso dal solito. Non recensirò un prodotto, ma un’esperienza!
Da lunedì 21/01 a mercoledì 23/01 ho soggiornato al Welness Hotel Sotelia nel complesso termale OlimiaPodčetrtek in Slovenia.
Personalmente è la terza volta che ci vado e dover ritornare a casa diventa sempre più difficile.
Per me le terme in generale, e Olimia in particolare, sono il paradiso.
Oltretutto, cosa c’è di meglio dello stare immersi nell’acqua termale bollente mentre fuori nevica?
  
 Macaco Giapponese o Scimmia delle Nevi (Macaca Fuscata) più conosciuta come Giulia alle Terme!
Sono stata ad Olima la prima volta agli inizi di settembre di parecchi anni fa (ora non ricordo bene ma prima del 2008 sicuro), poi sono finalmente tornata sempre verso metà settembre 2012 e adesso in pieno inverno 2013. Devo dire che le terme sono un toccasana sempre, cmq e in qualsiasi stagione!
Non serve portarsi dietro mezza casa, nella vostra stanza troverete tutto quello che vi serve dentro a una borsa in tela da portare con voi in piscina e nelle saune: grandi e morbidi asciugamani e l’accappatoio. E credetemi, a parte il costume e le infradito, non vi servirà null’altro!
Tutto il complesso alberghiero è direttamente collegato alle terme con dei tunnel sotterranei riscaldati, quindi non rischiate di prendervi un accidenti a meno che non vogliate provare l’ebbrezza di fare un angelo della neve dopo essere stati a mollo come tortellini nell’acqua termale bollente!
Nell’enorme armadio della stanza poi troverete anche delle ciabatte usa e getta in caso vi foste dimenticati le vostre e nel bagno tutti i campioncini di shampoo, balsamo, bagnoschiuma e quant’altro serva per la toeletta. Per le signorine esigenti come me, molto apprezzabili sono l’asciugacapelli e lo specchio ingrandente, nonchè una scatola di veline!
Insomma se non fossi una fanatica del beauty (che tra l’altro pesava più della valigia!) sarei potuta venire direttamente in costume!
Tra l’altro l’atmosfera è molto easy, quindi per la cena non serve per forza agghindarsi a festa. Non dico di scendere in pigiama o in accappatoio, ma una dignitosa tuta va più che bene. 
Cena che tra l’altro è a self service come la colazione, cosa che mi permette di mangiare una vagonata di roba mettendola a piramide tutta sullo stesso piatto per alzarmi il meno possibile dal tavolo! Adoro il buffet!
La mia prenotazione prevedeva la mezza pensione, quindi mi ingolfavo a colazione e a cena. Così facendo il pranzo è davvero trascurabile, ma per chi ha fame c’è il self service delle terme sempre disponibile.
In più nella stanza c’è sempre acqua fresca e frutta di stagione. Di solito mele della zona e arance. Oltre a un frigo bar fornito e alla possibilità di ordinare da mangiare direttamente in camera!

Per chi volesse coccolarsi e concedersi dei trattamenti, ci sono ben tre centri estetici, uno è la Spa Armonia al primo piano del Wellness Hotel Sotelia, il Centro Spa e Beauty Termalija all’interno del Centro Wellness Termalija e lo Spa Amala all’interno del Centro Wellness Orhidelia che è praticamente la zona vip del Centro Wellness Termalija dove ci sono altre saune e piscine e dove io non sono mai stata perchè con il pacchetto è previsto l’accesso gratuito ed illimitato solamente al Centro Wellness Termalija e al mondo delle saune, che vi dirò, basta e avanza!

Il Centro Wellness Termalija, la piscina interna che si collega a una esterna e per chi avesse la tempra di uscire dall’acqua e raggiungerla ci sarebbe poi anche un’altra piscina coperta con un bar in mezzo!
Oltre al braccialettino elettronico che vi permetterà di accedere al Centro Wellness Termalija e al mondo delle saune per tutto il periodo del soggiorno, alla reception vi consegnano anche dei buoni sconto per dei trattamenti nella Spa Armonia, per delle consumazioni al ristorante Basilicum, al Club Zafran  e per un acquisto al piccolo negozietto di artigianato locale sempre all’interno del Wellness Hotel Sotelia.

Nella stessa struttura ci sono anche  una cantina di vini,  una sala congressi, un bar con pianoforte, una sala di svago con biliardo e libri e una zona internet vicino alla reception.
Mentre lungo il percorso sotterraneo che porta al Centro Welness Thermalija si trovano un ottico, il centro Wellness Orhidelia e il Club Zafron, un disco bar aperto fino alle 4 di mattina, per chi dopo saune, idromassaggi e trattamenti avesse ancora la forza di fare due salti! Io ovviamente, no!
Insomma una volta raggiunto il Centro Wellness Thermalija, l’unico vero “problema” sarà decidere se entrare subito nell’acqua termale bollente o salire al mondo delle saune.
Se decidete di andare al mondo delle saune allora vi si presenterà subito un altro interrogativo: Quale sauna faccio per prima? e subito dopo: idromassaggio interno o esterno?
Son interrogativi impegnativi.


 Sauna finlandese tra i 90 e i 100°C, la mia preferita, ci svernerei dentro. Curioso che tra le indicazioni appuntate all’esterno della porta suggeriscano di reidratarsi dopo una sessione di max 15 min di sauna, con la birra…



 Idromassaggio interno

Idromassaggio esterno
In alternativa suggerisco la lettura di un buon libro, cullati dalle sdraio dondolanti…

Tra parentesi il libro l’ho finito in quei 2 giorni!
Quando si è deciso di aver dormito/letto/sudato/nuotato abbastanza, tornando in albergo sempre attraverso il corridoio sotterraneo, ci si può reidratare con l’acqua termale messa a disposizione, semplicemente riempiendo il bicchiere da uno dei rubinetti della grande struttura in mosaico all’incrocio tra i vari tunnel che portano ai diversi alloggi. 
Ovviamente non potevo andare alle terme senza approfittare della Spa dell’albergo, e così come sempre, mi sono concessa un trattamento viso. La Spa Armonia si avvale di due case cosmetiche, la Babor e la Gerard’s e io ho scelto un trattamento da 90 min con la Babor: Cura del Viso con Ossigeno.
Stesa sul lettino mi sono lasciata coccolare dalle mani esperte dell’estetista e credo di essermi anche addormentata. Le musichette rilassanti e i massaggini al viso decisamente conciliano il letargo! 
Più o meno da quello che ricordo il trattamento prevedeva i seguenti passaggi:
  • Detersione del viso con un gel detergente applicato con un massaggio e poi rimosso prima con un panno immerso il acqua calda e subito dopo con un panno immerso nell’acqua fredda;
  • Posizionamento di due ciottoli da massaggio sui punti energetici dell’ombelico e del petto e imbalsamazione tipo mummia sotto un lenzuolino e una copertina lasciando scoperto il viso ovviamente, le spalle e il petto sopra al seno;
  • Applicazione di una maschera peeling agli enzimi con un pennello morbidissimo e copertura degli occhi con dischetti di cotone imbevuti in acqua fredda più un panno imbevuto in acqua fredda sul petto, dopo di che si lasciano passare 10 min sotto al getto di vapore. E si dorme alla grande!
  • Rimozione della maschera peeling agli enzimi con un panno immerso nell’acqua calda;
  • Pulizia del viso con fazzolettini, lampada ingrandente, tanta pazienza e nessuna pietà (lacrimoni soprattutto quando vi viene deformata la punta del naso!);
  • Tonico;
  • Maschera gel all’ortica per riattivare la circolazione, tenuta finchè inizia a pizzicare dopo di che rimossa con un panno immerso nell’acqua fredda;
  • Fiala all’ossigeno massaggiata fino all’assorbimento;
  • Fiala multivitaminica massaggiata fino all’assorbimento;
  • Crema all’ossigeno sul viso e sul decoltè che viene massaggiata e massaggiata e rimassaggiata anche sul petto e sulle spalle e quando pensate che ormai si sia assorbita tutta, ecco la seconda dose di crema all’ossigeno con il suo bel massaggio e rimassaggio fino al massaggio finale con i ciottoli presi dal vostro ombelico e petto e che grazie al Cielo ormai si sono scaldati e si spera caricati di energia positiva che ora andrà a finire direttamente nei vostri pori!
  • Maschera all’ossigeno con i soliti dischetti di cotone imbevuti in acqua fredda e i ciottoli sopra che tanto tre secondi dopo che l’estetista è uscita per lasciarvi 20 min di posa, scivolano giù… E quindi di nuovo tanta nanna!
  • Rimozione della maschera con un panno immerso in acqua questa volta tiepida;
  • Gel all’ossigeno e via andare! Difficilissimo alzarsi!!!
Dopo di che visto che sarete molto rincitrullite dall’esperienza, vi lasciano decantare per un pò nell’area relax della Spa, servendovi una tisana bollente insieme a un bigliettino con la frase del giorno. 

E questo è quanto, avrei altre millemila foto da mostrarvi ma poi rischia di diventare la visita di cortesia ai parenti per vedere le diapositive delle vacanze… Lungi da me tediarvi in questo modo orribile!
Alla Spa cmq ho anche fatto due acquisti, il metodo di accreditare tutto alla stanza è controproducente…

Creamoil Gerard’s all’argan
250 ml di prodotto viso/corpo per 42,00 Euro, praticamente un furto legalizzato, ma vi posso assicurare che riuscirebbe a rendere liscia e setosa anche la pelle di un armadillo! Profumo piacevolissimo, idratazione massima e si assorbe velocemente senza ungere.
E il mio feticcio da terme, sua maestà l’olio di cocco, al quale non so resistere e ripaga la mia ossessione in termini di idratazione costante di corpo e soprattutto capelli!
Sulla confezione: Olio di cocco da coltivazione biologica controllata,  spremuto a freddo, adatto per il massaggio o per la miscelazione con oli essenziali. Tenere fuori dalla portata dei bambini. Modo d’uso: applicare un pò di olio sulla pelle e massaggiare con movimenti circolari.Origine: Filippine. Fornitore: Ars Trade d.o.o., Trzin. Da utilizzare prima di febbraio 2013.

L’olio di cocco più coccoso che abbia mai sentito, ha un profumo inebriante. Per la foto l’ho fatto sciogliere vicino al termosifone, altrimenti si solidifica subito e diventa bianchissimo. Letteralmente lo amo e adoro.
150ml di prodotto per 11,00 Euro (un pò una sola visto che dal sito del produttore 200ml dello stesso olio di cocco costa sui 5,43).
Sulla strada del ritorno, sempre a Podčetrtek mi sono fermata al suggestivo Monastero gestito dai  frati minori di San Francesco d’Assisi, dove c’è un orto botanico e l’antica farmacia dove si possono acquistare antichi rimedi naturali.
Io ovviamente ho fatto scorta!


Tavzerntroza – Centauro: Tintura per i problemi dello stomaco e dell’intestino: frena i tumulti, rinforza gli stomachi indeboliti, combatte la stitichezza e aiuta a espellere le feci. Il centauro ripulisce l’apparato respiratorio. Purifica il sangue e ne regola la circolazione. Ha effetto sulle funzioni del fegato e della bile, mitigando le difficoltà nei calcoli biliari. Risolve i dolori mestruali. 30 gocce 3 volte al giorno.
Holesterolnik: tintura, abbassa il colesterolo. 30 gocce 3 volte al giorno.
Kalendol: Unguento per le pelli secche e screpolate, cura l’acne e le cicatrici della pelle.


Miele di acacia
Patrove Kapljice – Gocce dei Frati: con tante erbe medicinali, armonicamente assemblate. E’ un amaro, piacevole da bere e benefico per l’organismo.
E questo è davvero tutto! Spero di avervi invogliate a fare una gita fuori porta e a concedervi una rilassante evasione ad Olimia!!!
Per tentarvi ulteriormente, se l’albergo, le piscine, le saune, le coccole, le spa e i frati non c’erano ancora riusciti, sappiate che vicino al monastero c’è pure una cioccolateria!!!
Che volete di più?!?
Bisous!

3 Comments

  1. Che bello! In un posto del genere ci si riprende alla grande!
    V

    24 gennaio 2013
    |Reply
  2. Oh, ma che bellezza. Penso che mi farei adottare una volta lì!

    24 gennaio 2013
    |Reply
  3. Anonimo
    Anonimo

    Sono appena tornata dalle terme di Olimia. Anch'io ero stata qualche anno fa e sono tornata i primi di gennaio. Veramente una bella esperienza! Molto rilassante! Io ho provato il massaggio cervicale e un massaggio rilassante oltre alla pedicure. Ottime esperienze! Bello il blog! Miriam

    11 gennaio 2015
    |Reply

Rispondi a Anonimo Annulla risposta